< logo
 ESTUARIO NOSTRO
          
           Associazione per la tutela del patrimonio naturale, storico nella laguna di Venezia




laguna


associazione

chi siamo

le nostre campagne

la storia

partecipare all'associazione

notizie



VIA CRUCIS

- Leggendo l’articolo  “ Il crocifisso scomparso nella chiesa dell’ex ospedale”  apprendo che dalla chiesetta di S.Maria Nascente e’ sparita  l’intera  “Via Crucis”, opera pregiata del pittore veneziano Giuseppe Cherubini ,che e’ stata “presa in consegna” dall’U.L.S.S. 12 veneziana nel 2003  per essere restaurata .

-Analogo interesse per il restauro si Ŕ manifestato  anche nella prima decade di  dicembre 2008 quando la stessa Azienda Sanitaria “prende in consegna” il leone marciano in pietra d’Istria  presente nell’area dell’ex Ospedale al Mare  e lo trasferisce in un magazzino in quel di Mestre assieme alla colonna che lo sorregge.

-Antefatto: nel giugno 2008.avevo inviato una lettera alla Soprintendente ai Monumenti Codello, agli assessori Rumiz, Zanella, Salvadori e al presidente della municipalita’ del Lido Gusso in cui esprimevo il desiderio manifestato dagli iscritti a “Estuario Nostro” e da molti lidensi di veder collocato in Piazzetta Lepanto il leone marciano quale simbolo tangibile di appartenenza del Lido alla citta’ di Venezia. -Suggerivo anche di collocarlo al centro dell’aiuola fiorita nella  piazzetta.

-La proposta  fu accolta con molto favore e disponibilitÓ da parte di tutti gli interpellati e la stessa Soprintendente ai Monumenti arch. Renata Codello in data 22 dicembre 2008  comunico’ che autorizzava lo spostamento del leone marciano dall’ ex.Ospedale al Mare alla Piazzetta Lepanto.

Autorizzazione ,ahimŔ, tardiva dato che l’U.L.S.S 12 veneziana la statua se l’era giÓ portata a Mestre.
-E il pensiero corre all’eroicomico poemetto “La secchia rapita” e la statua del leone marciano sembra essere un”trofeo di guerra”, di una guerra mai scoppiata fra U.L.S.S. 12 e lidensi, anche se la gestione della sanitÓ al Lido e’ spesso stata motivo di grossi contrasti.

-Ritengo che queste incresciose situazioni vadano risolte al pi¨ presto: la “Via Crucis” venga riportata velocissimamente nella chiesetta di S.Maria Nascente e venga  restituita alla pieta’  dei credenti.

-Per quanto riguarda il leone marciano invito gli  assessori Rumiz,Zanella, Salvadori e il Presidente Gusso ad attivarsi per rientrare in possesso della statua del leone  e  collocarla nell’aiuola fiorita di Piazzetta Lepanto.

                                                                                   Arrigo Battistini
                                                                         Presidente di “Estuario Nostro”